Home ¬Ľ Casi strani ¬Ľ Daniel LaPlante, ha vissuto nascosto nella casa delle sue vittime

Daniel LaPlante, ha vissuto nascosto nella casa delle sue vittime

Per mesi, Daniel LaPlante si nascose e visse all'interno della casa delle sue vittime. Dopo aver scontato la sua pena, giunse a uccidere un'intera famiglia.

Daniel LaPlante ha un riconoscimento raro nelle storie di true crime. Non √® stato il caso in cui ha ucciso un’intera famiglia a renderlo famoso, ma piuttosto i crimini che ha commesso precedentemente, anche se nessuna vita √® stata persa in quei casi.

Daniel LaPlante √® nato nel 1970 e, come si pu√≤ immaginare, ha avuto un’infanzia traumatica. LaPlante ha subito abusi sessuali e psicologici da vari adulti diversi. Il padre gli infliggeva la maggior parte delle punizioni, tormentandolo fisicamente, emotivamente e sessualmente.

La sua educazione problematica ha influenzato tutti gli aspetti della sua vita. Ha avuto difficoltà a scuola, sia dal punto di vista accademico che sociale, ed è stato diagnosticato con dislessia in giovane età. Aveva pochi amici e i suoi compagni lo descrivevano come spaventoso o strano.

Date le sue stranezze comportamentali, LaPlante è stato indirizzato a uno psichiatra dai funzionari della scuola. In quel momento è stato diagnosticato con un disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Questo problema avrebbe potuto essere facilmente risolto, ma il giovane ha iniziato a subire abusi sessuali da parte del suo stesso psichiatra durante le sedute.

Evidentemente, ci√≤ ha contribuito ad aggravare ulteriormente il suo degrado mentale e, in breve tempo, ha iniziato a compiere piccoli furti nelle case delle persone. Non si limitava pi√Ļ a entrare e rubare gli oggetti, ma lasciava anche tracce della sua presenza con l’obiettivo di giocare con la mente dei proprietari.

Il crimine che ha reso famoso Daniel LaPlante

In una piccola città nel Massachusetts, negli Stati Uniti, viveva la famiglia Andrews, composta da tre membri: Annie, Brian e Jessica. Vivevano tranquillamente e non avevano litigi o nemici con altre persone.

Nel 1986, Annie Andrews, all’epoca sedicenne, ricevette una chiamata anonima da un giovane di nome Daniel LaPlante, che le disse di frequentare la stessa scuola e di aver ottenuto il suo numero da uno dei suoi amici.

Daniel LaPlante si descrisse con ottime caratteristiche, allo scopo di piacere ad Annie. Diceva di essere biondo, bello, di corporatura atletica e di vivere nel quartiere. Si comportava sempre in modo educato e avevano conversato per un certo periodo prima di convincere Annie ad incontrarlo di persona.

Primo incontro tra Daniel LaPlante e Annie Andrews

Nella serata dell’incontro, Daniel si present√≤ a casa di Annie. Quando lei apr√¨ la porta, si rese conto che era completamente diverso da come si era descritto. Era sporco, non aveva la corporatura atletica, non era bello e neppure biondo: aveva i capelli scuri.

Daniel LaPlante all’epoca del crimine.

Tuttavia, Annie decise comunque di dargli una possibilità. Ma si pentì rapidamente, il ragazzo le faceva domande insistenti sulla morte di sua madre, che era deceduta di cancro recentemente. La conversazione fu una delle peggiori possibili, molto diversa dalle chiamate telefoniche.

Dopo un’ora di conversazione, Annie raggiunse il punto in cui non poteva pi√Ļ sopportare quella situazione e decise di fuggire dall’incontro, lasciando il ragazzo sul posto. Ma ormai sapeva dove abitava.

Annie decide di giocare a Ouija per “parlare” con sua madre

La strana conversazione di Daniel LaPlante fece sentire la mancanza di Annie, quindi lei e sua sorella decisero di provare a contattare lo spirito della madre tramite una tavola Ouija. Giocarono principalmente per ingenuità adolescenziale, senza aspettarsi realmente nulla di significativo.

Tuttavia, nella stessa notte, Jessica e Annie ricevettero diversi colpi contro le pareti della loro camera mentre dormivano. Sorprendentemente, sembrava che la sessione spiritica delle ragazze fosse riuscita. Per diverse notti, le sorelle conversarono con lo “spirito” che batteva sul muro per fornire le risposte.

Col tempo, gli oggetti nella casa cominciarono a scomparire. Gli oggetti posti sul tavolo, il giorno dopo, si trovavano sparsi per terra. Le ragazze iniziarono anche a notare che i mobili venivano spostati da un lato all’altro.

Il padre delle ragazze, che viveva con loro, Brian Andrews, credeva che fossero le stesse ragazze a causare questi fenomeni in casa. Le ragazze sostenevano che credevano si trattasse di un fantasma, ma Brian non credeva a questa storia e continuava a incolpare le ragazze.

La situazione andava peggiorando, a quel punto Daniel scriveva già messaggi sul muro con il ketchup, e le ragazze erano davvero molto spaventate. Brian continuava a dubitare delle ragazze, ma dopo alcune settimane, dopo molte tormentate, in un momento di disperazione le ragazze fuggirono a casa del vicino.

Aspettarono che Brian tornasse, entrò da solo in casa e trovò un gran disordine; dopo aver fatto alcune verifiche, trovò un ragazzo vestito con i vestiti della sua defunta moglie. Scoppiò una lotta tra di loro, ma il ragazzo riuscì a fuggire abbastanza facilmente.

Fu chiamata la polizia locale, che ispezion√≤ la casa. Un agente trov√≤ un nascondiglio dietro un armadio incorporato nella parete della camera di Annie Andrews. Quando l’agente apr√¨ l’obl√≤, trov√≤ Daniel LaPlante avvolto dentro. Il ragazzo fu arrestato.

Omicidi commessi da Daniel LaPlante

Non ci volle molto perch√© le autorit√† collegassero l’omicidio della famiglia Gustafson a Daniel LaPlante. L’uomo cerc√≤ di fuggire e durante la fuga commise alcuni reati minori, ma due giorni dopo la polizia lo ritrov√≤.

LaPlante durante il processo.

Un anno dopo il crimine, Daniel LaPlante √® stato condannato a tre ergastoli per l’omicidio della famiglia Gustafson.

Dal suo arresto, il criminale non ha mostrato alcun rimorso per le sue azioni. Attualmente si trova in carcere, dove probabilmente trascorrerà il resto della sua vita.

Foto attuale di Daniel LaPlante.

Lascia un commento