Home ¬Ľ Casi strani ¬Ľ Paulette Gebara, sepolta nel proprio letto

Paulette Gebara, sepolta nel proprio letto

Paulette Gebara scomparve dalla sua stessa camera. Dopo nove giorni, il suo corpo fu trovato nello spazio sotto il letto di legno.

Paulette Gebara Farah è nata il 20 luglio 2005 in Messico. Figlia di Mauricio Gebara e Lizette Farah, al momento del caso la bambina aveva 4 anni ed era affetta da una disabilità che ostacolava la sua crescita, il linguaggio e la mobilità.

Era pi√Ļ piccola rispetto agli altri bambini della sua et√†, aveva difficolt√† a camminare da sola e pronunciava pochissime parole, incapace di formare frasi complete. Paulette Gebara aveva una sorella maggiore di 7 anni e la famiglia aveva due tate per aiutare con le bambine.

Viaggio in famiglia

Il 19 marzo 2010, Paulette e la sorella viaggiarono insieme al padre a Valle de Bravo, una città messicana che si trovava a circa due ore di auto da Huixquilucan, la città in cui vivevano.

In quell’occasione, Lizette Farah, la madre delle bambine, non viaggi√≤ con loro. Afferm√≤ che sarebbe partita con un’amica, una cosa che in seguito fu smentita, portando alla luce una relazione extraconiugale che aveva con un altro uomo.

Lizette Farah e Mauricio Gebara. / Foto: Riproduzione.

Tutti tornarono a casa la domenica, 21 marzo 2010. Prima di andare a dormire, Lizette aveva l’abitudine di mettere a letto le bambine e augurare loro la buonanotte, e quel giorno non fu diverso.

La scomparsa di Paulette

Le sorelle Ericka e Martha Casimiro erano le tate delle bambine. La mattina del 22 marzo 2010, arrivarono a casa Gebara e, come al solito, svegliarono prima la sorella maggiore che già andava a scuola.

Anche la sorella di Paulette, come la madre, si chiamava Lizette. Le tate la prepararono per andare a scuola e verso le 8 del mattino la misero sull’autobus scolastico. Una volta tornate nell’appartamento, svegliarono Paulette.

Arrivate nella stanza, le tate non trovarono nessuno. Paulette aveva difficoltà a camminare da sola, quindi controllarono gli armadi, sotto il letto e anche nelle altre stanze della casa. Paulette non fu trovata e le tate contattarono i genitori.

Camera di Paulette Gebara. / Foto: Riproduzione.

In modo strano, alla notizia della scomparsa di Paulette, la coppia Gebara rimase tranquilla e razionale. Un atteggiamento che suscitò attenzione, dato che si trattava della loro figlia.

Ricerche milionarie

Dopo la chiamata, le tate hanno iniziato a cercare Paulette nei dintorni del condominio. I genitori non hanno avuto urgenza di chiamare la polizia; è stata una delle zie della bambina a comunicare alle autorità.

Gli investigatori sono stati inviati sul posto e hanno ispezionato la residenza. Non c’erano segni di lotta, mancanza di oggetti o segni di effrazione, tutto sembrava intatto. Inoltre, non c’erano registrazioni nelle telecamere di sorveglianza che mostrassero persone estranee entrare o Paulette uscire.

La polizia ha diffuso manifesti con foto e caratteristiche di Paulette. La zia ha condiviso post sui social media per attirare l’attenzione sulla scomparsa della ragazza.

La famiglia Gebara aveva buone condizioni finanziarie e contatti influenti. La coppia è rapidamente apparsa sui principali canali di notizie e manifesti con il volto di Paulette sono stati affissi in tutto il Messico.

Manifesto che diffonde la scomparsa di Paulette Gebara. / Foto: Riproduzione.

La madre, Lizette Gebara, ha rilasciato numerose interviste su canali televisivi e le autorità stavano aspettando che qualcuno chiamasse richiedendo un riscatto per il rapimento di Paulette, cosa che non è mai accaduta.

Il luogo in cui la famiglia viveva era molto sicuro, dotato di telecamere di sorveglianza su tutti gli accessi e i corridoi. Era praticamente impossibile per chiunque dall’esterno entrare senza essere visto.

Circostanze sospette

Il 27 marzo 2010, Lizette Gebara concede un’altra intervista in televisione. Questa volta tutto sarebbe stato ripreso nella casa della famiglia, nello specifico nella camera della bambina.

Durante le riprese, la madre implora di riportarle indietro sua figlia e mostra gli oggetti della bambina. Tra i vestiti che estrae dall’armadio e mostra alla telecamera c’√® un pigiama con la raffigurazione di una renna, tieni a mente questo dettaglio.

Il 31 marzo, intorno alle 2 del mattino, sono stati trovati i resti mortali di Paulette nella sua stanza. Nove giorni dopo la sua scomparsa, la polizia ha trovato il corpo di Paulette in uno spazio stretto tra il materasso e la struttura in legno del letto.

Rappresentazione di come il corpo di Paulette Gebara è stato trovato. / Foto: Riproduzione.

Era abbastanza strano che il corpo sia stato scoperto solo in quel momento, dato che la polizia aveva ispezionato la camera di Paulette cinque volte e in alcune di queste ispezioni aveva usato cani da fiuto.

Quattro giorni prima, durante l’intervista rilasciata dalla madre sul posto, nessuno ha notato nulla di strano e nemmeno percepito odori insoliti. Se il corpo fosse stato l√¨ fin dall’inizio, sarebbe stato possibile sentire un odore caratteristico.

Inoltre, membri della famiglia hanno alloggiato presso la residenza Gebara e hanno dormito nel letto di Paulette per aiutare nelle ricerche, e comunque non hanno notato nulla di strano. Le due tate hanno anche affermato che è stato possibile cambiare le lenzuola del letto senza accorgersi che Paulette fosse lì.

Indagini e autopsia

La storia non aveva senso. Per la polizia, era chiaramente un caso di omicidio e, secondo gli investigatori, il corpo sarebbe stato lì per circa tre giorni e non nove come affermavano i genitori.

Gli avvocati della famiglia sostennero la teoria che Paulette fosse morta per soffocamento meccanico a causa dell’occlusione delle cavit√† nasali e della compressione del torace e dell’addome.

In breve, affermarono che Paulette avrebbe accidentalmente ostruito le vie respiratorie con un tessuto o un lenzuolo e, poich√© aveva limitazioni fisiche e del linguaggio, non riusc√¨ a chiedere aiuto. L’ipotesi per il luogo in cui √® stato trovato il corpo √® che si fosse girata fino ai piedi del letto e fosse caduta nel vuoto di legno.

L’evidenziazione nella foto indica lo spazio in cui √® stato trovato il corpo di Paulette. / Foto: Riproduzione.

L’autopsia ha rivelato che Paulette dormiva con un “panno ortopedico” sulla bocca, che veniva messo ogni notte per evitare che dormisse a bocca aperta. Nel rapporto √® stato anche possibile affermare che il suo corpo non √® stato manipolato dopo la morte.

Sono state trovate contusioni sul gomito e sul ginocchio sinistri. Le conclusioni ufficiali, tuttavia, non indicavano segni di violenza fisica o sessuale, poiché i segni potrebbero essere stati causati dalla caduta nel vuoto di legno.

Il rapporto ha anche affermato che non c’erano tracce di droghe o sostanze tossiche nel corpo che avrebbero potuto influenzare la coscienza della ragazza. La conclusione √® che Paulette si √® mossa nel letto e accidentalmente √® caduta a testa in gi√Ļ in uno spazio ai piedi del letto, dove √® morta soffocata e poi √® rimasta inosservata per nove giorni.

Il pigiama di Paulette Gebara

Paulette √® stata trovata vestita con un pigiama azzurro e rosso con la raffigurazione di una renna, lo stesso pigiama mostrato dalla madre quattro giorni prima durante un’intervista in televisione.

Nella foto, Lizette mostra un pigiama identico a quello che indossava sua figlia quando è stata trovata. / Foto: Riproduzione.

Dopo che questa scoperta √® stata resa pubblica, la rete televisiva ha trasmesso le immagini non tagliate, compresa tutta la preparazione prima dell’intervista. Mentre Lizette Farah e il giornalista intervistatore esaminano diversi oggetti di propriet√† di Paulette, compare il pigiama menzionato sopra.

Quando le è stato chiesto al riguardo, Lizette Farah ha dichiarato che il pigiama appartiene alla sorella di Paulette, ma per qualche motivo non spiegato, erano conservati tra le cose della bambina e sono stati mostrati dalla madre come se fossero di Paulette.

Le autorit√† non sono mai state informate dalla famiglia dell’esistenza di un secondo pigiama identico a quello che la ragazza indossava al momento della scomparsa. Dal momento in cui √® stato trovato il corpo, il presunto secondo pigiama non √® mai pi√Ļ stato visto.

Conclusione del caso

I genitori di Paulette Gebara non sono stati incriminati penalmente, poich√© l’indagine √® stata in grado di dimostrare che Paulette √® morta accidentalmente. La coppia non aveva una buona relazione, in alcune interviste si attaccavano l’un l’altro e contraddicevano le loro storie.

Paulette Gebara. / Foto: Riproduzione.

In una delle occasioni in cui si √® presentata davanti alle telecamere, Lizette Gebara ha detto qualcosa del tipo “anche se Paulette √® scomparsa, ho comunque un’altra figlia”. L’affermazione non √® stata ben accolta dal pubblico e ha solo contribuito a generare pi√Ļ speculazioni sulla partecipazione dei genitori al crimine.

Il 6 aprile, il corpo di Paulette √® stato sepolto nel Pante√≥n Franc√©s de San Joaqu√≠n a Citt√† del Messico. Il corteo funebre √® stato guidato da Lizette Farah senza la presenza di membri della famiglia di Mauricio Gebara a causa di un “accordo”.

Sette anni dopo, il 3 maggio 2017, il corpo di Paulette √® stato riesumato e cremato, poich√© le autorit√† hanno ritenuto che i suoi resti non fossero pi√Ļ oggetto di prova per l’indagine del caso.

Lascia un commento